GIARDINI ITALIANI

CONDIZIONI

LA QUOTA COMPRENDE

  • Tre pernottamenti con colazione in Hotel;
  • Tutte le cene;
  • Pranzo presso Villa La Pantiera;
  • Pranzo presso Villa La Pieve;
  • Pranzo presso il Palazzo della Casapiccola;
  • Servizio di guida parlante italiano per tutta la durata del tour;
  • Bus a disposizione per l’intero tour;
  • Gli ingressi e le visite guidate ai giardini e ai monumenti menzionati nel tour;
  • Assistenza Promotuscia;
  • Assicurazione medico-bagaglio.

LA QUOTA NON COMPRENDE

  • Volo aereo;
  • Bevande ai pasti;
  • Facchinaggio in hotel;
  • Tassa di soggiorno in Hotel;
  • Extra, mance e tutto quanto non espressamente menzionato nella voce “La quota comprende”;

HOTEL

ITINERARIO

I TESORI DELLE MARCHE

Un esclusivo tour che privilegia ville e dimore storiche private in un comprensorio fuori dalle rotte comuni.

Giorno 1

Arrivo a Roma Termini o all’aeroporto di Fiumicino.
Incontro con la guida Dott.ssa Sara Giorgi e trasferimento privato con bus presso la Villa La Pantiera di Martinsicuro.
Arrivo previsto in tarda mattinata.
La proprietaria Dora Taliani De Marchio, vicepresidente del garden club delle Marche ci accoglierà per la visita. L’edificio risale al 1640 e la struttra esteriore fu ricostruita nei primi del  900. Inizialmente la proprietà era adibita a casina di caccia e deve il suo nome a questa sua funzione originaria. Pranzo all’interno della tenuta.
Nel pomeriggio visita ad Offida col suo delizioso borgo e la Chiesa di S. Maria.
Di seguito trasferimento a Villa Picena ad Ascoli Piceno per la sistemazione alberghiera e la cena. L’Hotel Villa Picena è situato nel mezzo di un parco secolare di circa 8000 mq nel cuore della vallata del Tronto. Il complesso è stato ricavato da una antica dimora del 1860.
Pernottamento in Hotel.

Giorno 2

In mattinata visita di Ascoli Piceno, Città monumentale, il cui centro storico è interamente costruito in travertino, marmo ricavato dalle cave vicine, il suo centro è la rinascimentale Piazza del Popolo dove sorge il Palazzo dei Capitani e la chiesa di San Francesco.
La città deve la sua fama alla sua posizione geografica particolare: in essa sono coniugati mari e monti, storia e natura in un contesto unico.
Seconda colazione inclusa nell’antico Caffè Meletti a Piazza del Popolo con splendido affaccio sulla piazza principale di Ascoli.

Nel pomeriggio visita dei giardini di Villa Seghetti Panichi  accolti dalla Principessa Giulia Panichi Pignatelli, attuale proprietaria nonché raffinata cultrice di botanica, la quale svelerà i segreti della Villa che in queste date ospita anche una Mostra di Arte Contemporanea. Il parco è disegnato dal botanico tedesco Ludwig Winter, famoso per le sue piante esotiche, di cui si potranno ammirare degli esemplari di rara bellezza.
Rientro in hotel, cena e pernottamento.

Giorno 3

Prima colazione in Hotel.
Partenza per Macerata e visita guidata della città con la sua cattedrale, lo Sferisterio (un teatro di impianto neoclassico inizialmente costruito per poter ospitare il giuoco del “pallone col bracciale” ed ora utilizzato per eventi culturali ed artistici).
In tarda mattinata trasferimento a Villa La Pieve, accolti dalla famiglia Giochi Costa. Questa villa settecentesca col suo parco e i giardini storici si trova fuori la città e si affaccia sulla valle del Chienti. L’architettura della villa risponde ai canoni tipici delle ville patrizie del settecento marchigiano, ovvero di elegante austerità e semplicità.
Pranzo all’interno della villa e visita guidata a seguire.
Rientro ad Ascoli Piceno e cena all’interno del ristorante dell’Hotel.
Pernottamento.

Giorno 4

Prima colazione in hotel.
Partenza per Recanati per un viaggio nei luoghi suggestivi dell’immaginario poetico leopardiano: la piazzetta de  “Il Sabato del Villaggio”, il colle de ”l’infinito”, il colle del “Il Passero Solitario” e l’interessante Pinacoteca.
A seguire trasferimento a Palazzo dalla Casapiccola.
Il Palazzo è stato costruito tra il Seicento ed il Settecento per ospitare alti prelati che si recavano in pellegrinaggio al vicino Santuario di Loreto.
A metà dell’Ottocento, Domenico Dalla Casapiccola, trisnonno dell’attuale proprietaria che risedeva a Vienna, si trasferì con la famiglia a Recanati dove acquistò il Palazzo.
I soffitti del Salone del piano nobile hanno importanti affreschi del Settecento ed Ottocento rappresentanti scene mitologiche e grottesche.
Il giardino “all’italiana” risale all’epoca della costruzione del Palazzo e, orientato verso occidente, guarda il “Colle dell’Infinito”.
Seconda colazione inclusa all’interno del Palazzo.

Nel primo pomeriggio proseguimento per Macerata.
Visita guidata del Duomo, dello Sferisterio, grandiosa costruzione neoclassica eretta per il gioco del pallone al bracciale ed oggi adibita a manifestazioni culturali ed artistiche e del caratteristico centro storico.

A seguire visita guidata di Villa Buonaccorsi. In cima a un colle, in posizione panoramica, sorge il complesso Buonaccorsi. La famiglia Buonaccorsi di Macerata possedeva un’ampia tenuta agricola, che controllava dal suo palazzo fortificato. L’edificio fu costruito nel XVI secolo sui resti di un precedente insediamento, ed è dotato, oltre che del palazzo padronale, di giardini, scuderie, case a schiera e una piccola chiesa barocca dedicata a San francesco.
Tra la chiesa e il palazzo sorge il “Giardino segreto“, progettato dopo il 1665. Il giardino settecentesco (1720) si ritiene sia stato progettato da Andrea Vinci, o dai sui collaboratori, sulle tracce di un giardino preesistente. Sul versante sud del colle, si trovano cinque terrazze. Il primo accoglie il “Giardino segreto” e la grotta “dei frati”. Il secondo terrazzo contiene aiuole formali ravvivate da statue raffiguranti Arlecchino e Pulcinella. Il terzo terrazzo è caratterizzato dal “vile degli imperatori”, in una nicchia è collocata la statua della dea Flora. Nella quarta terrazza vi sono altre aiuole formali. L’ultima terrazza è di epoca più recente. Nel giardino si trovano anche vari giochi d’acqua, non tutti funzionanti. Vi sono curati centinaia di agrumi , coltivati a spalliera o ad alberello dentro a grandi vasi in terracotta dell’Ottocento.
Oltre un imponente muro, si trova un vasto bosco, in stile inglese con un lago artificiale ed una collinetta da cui si gode una splendida vista fino al mare.

Tempo a disposizione breve passeggiata nel caratteristico centro storico di Macerata con il famoso Sferisterio grandiosa costruzione neoclassica, eretta per il gioco del pallone al bracciale ed oggi adibita a manifestazioni culturali ed artistiche.
Rientro in Hotel, cena e pernottamento.

Giorno 5

Prima colazione in hotel e partenza in bus.
Incontro con la nostra guida, Dott.ssa Sara Giorgi.
In mattinata visita guidata della bellissima Villa Sgariglia a San Benedetto del Tronto. Classico esempio di villa marchigiana del Settecento con attorno uno straordinario giardino esoterico della medesima epoca, Villa Spariglia fu realizzata tra il 1760 ed il 1770. E’ situata su di una collina, nel territorio in cui i comuni di Grottammare e di San Benedetto del Tronto sono confinanti ed un tempo denominato Contrada o Castelli D’Ischia: zona questa che nel Settecento era parte del grande fondo agricolo di proprietà dei Marchesi Sgariglia. Su committenza di questi, la Villa fu costruita dai Giosafatti (Famiglia di artisti ed architetti noti nel Piceno da tre generazioni) sui resti duecenteschi di un convento domenicano, di cui resta un cunicolo, in parte crollato, il cui passaggio sotto la collina raggiungeva un tempo il torrione di San Benedetto del Tronto con funzione di via di fuga durante le scorribande dei Mori.
Partenza per Roma Termini o per l’aeroporto di Fiumicino e fine dei servizi.